Archivi tag: fuoristrada

Subaru Outback Unlimited, 4×4 vera e tanta sicurezza

Ho provato la Subaru Outback Unlimited 2 litri diesel da 150 cavalli dotata di cambio automatico Lineatronic.
ll DNA è quello del marchio delle Pleiadi: sicura, completa e va ovunque!

La Subaru Outback è la risposta della casa delle Pleiadi alle «solite» station wagon rudder, come Volkwagen Passat Alltrack, Skoda Octavia Scout 4×4, Opel Insignia SW 4×4 e Audi A4 Allroad. È spaziosa, 4×4 e con una dotazione di prim’ordine
Lunga 4,81 metri per 1 metro e 84 centimetri di larghezza, misura un’altezza da terra di 20 centimetri, tanto per chiarire che dove arriva lei non tutte le colleghe posso arrivare!

Subaru Outback Continua la lettura di Subaru Outback Unlimited, 4×4 vera e tanta sicurezza

Suzuki Jimny, al volante del mito 4×4

Basta uno sguardo per capirlo: la Suzuki Jimny è un fuoristrada, nulla a che vedere con i Suv e i Crossover che impazzano sul mercato!
L’ho provata nel suo habitat naturale: la montagna.

La Suzuki Jimny appartiene a quel ristretto numero di automobili Suzuki Jimnycapaci di essere un segmento a se stante.
Nel caso della piccola giapponese, quello dei fuoristradini.
E si che il progetto da cui discende la Jimny di strada – e di fuoristrada – ne ha percorsa parecchia dal 1970, quando la progenitrice LJ 10 nacque attingendo al progetto della Hope Motor Company ON 360 (clicca qui per leggere la storia della gamma SJ).

Insomma, la Jimny è un mito a quattro ruote!
E un mito va provato, possibilmente in quello che è il suo elemento naturale. Continua la lettura di Suzuki Jimny, al volante del mito 4×4

Suzuki Vitara S, Suv con brio

Sono tornato volentieri dagli amici di Suzuki per provare la Vitara S. Equipaggiata con il motore 1.4 Boosterjet benzina è la versione “briosa” della Suv compatta giapponese, divertente, confortevole e neppure troppo assetata.

Solo qualche mese fa ho avuto modo di provare la quarta generazione di Vitara, diventata molto più Suv rispetto alle Vitara S 1precedenti versioni senza rinunciare completamente alle sue doti off road (cliccando qui puoi leggere il resoconto della prima prova).
Provando la versione benzina aspirata da 1,6 litri avevo notato la differenza di prestazioni con il motore diesel, sempre 1,6 litri, sempre 120 cavalli ma con più coppia e decisamente maggior brio.
La Vitara S nasce proprio per colmare questa lacuna: un motore turbobenzina di dimensioni ridotte – 1,4 litri – con 140 cavalli di potenza e 220Nm di coppia massima, capace di divertire evitando salassi alla pompa di benzina.
E già che ci siamo, con qualche dettaglio esclusivo per distinguerla. Continua la lettura di Suzuki Vitara S, Suv con brio

Suzuki SJ, storia integrale di una piccola peste

Chi è appassionato di storia dell’auto sa bene che non si trovano molti esempi di un Marchio capace di creare un segmento di mercato del tutto nuovo grazie ad un proprio prodotto con il quale, infine, lo stesso Marchio finisce per identificarsi ed essere contraddistinto.

A pensarci bene, gli esempi si contano sulle dita di una mano, decennio per decennio.
Oggi il pensiero correrebbe – per esempio – subito alla Tesla con la sua Model S.
Suzuki SJE negli anni ’90 si potrebbe citare allo stesso modo  Mazda che esplose (commercialmente parlando) con la Miata, la spyderina che ha fatto conoscere il marchio nel mondo.
Negli anni ’70?
Facile a dirsi: la Porsche 911.
Ma negli anni ’80, quando la sovrabbondanza di marchi, modelli e versioni lasciava ben poco spazio a “nicchie” che non fossero già state ampiamente coperte dai Costruttori, a molti sembrava impossibile proporre al mondo qualcosa di davvero nuovo, diverso, e fortemente personale. Continua la lettura di Suzuki SJ, storia integrale di una piccola peste